all by JSd
All by JS

Titolo:
non editare

Subtitolo: non editare

Date viaggio: non editare

Date viaggio: non editare

Titolo: non editare nemmeno se va su due righe

Subtitolo mobile: non editare

by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code

TITOLO NON EDITARE

Sottotitolo non editare

Dicembre + Vienna, serve forse aggiungere qualcosa?
Il fascino eterno di una città meravigliosa nel suo momento di massimo splendore, quando le luci natalizie la trasformano in un sogno a occhi aperti, il profumo dei dolci tradizionali invade le strade e i mercatini spuntano ad ogni angolo. Ma la Vienna che amiamo di più, pur riconoscendo la magia dei suoi esterni vestiti a festa per il Natale, è probabilmente quella che si nasconde dentro ai musei, dove una sterminata serie di capolavori si sussegue senza soluzione di continuità storica, dal medioevo ai nostri giorni. E allora ecco comparire i gioielli del Kunsthistorisches museum, da Bruegel a Raffaello a Parmigianino, e quelli dell’Accademia di belle arti, capitanati da Hieronymus Bosch, seguiti dalle meraviglie dorate di Klimt al Belvedere e alla Palazzina della Secessione viennese e da quelle tormentate di Egon Schiele al Leopold. E ancora Jan Van Eyck, Tiziano, Rembrandt, Vermeer, Velazquez, Oskar Kokoschka e Otto Wagner, in una interminabile sequenza di opere d’arte indimenticabili. Volendo, inoltre, avrete il tempo per dedicarvi alle vostre altre passioni, che siano quelle per i fasti del castello di Schönbrunn, splendido in questo periodo dell’anno, o per le visionarie architetture di Hundertwasser, per la storica pasticceria locale con in testa la celebre Sacher torte o per i tanti intellettuali che qui hanno lasciato tracce visibili, a cominciare da Sigmund Freud e Wolfgang Amadeus Mozart.

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo