all by JSd
All by JS

Titolo:
non editare

Subtitolo: non editare

Date viaggio: non editare

Date viaggio: non editare

Titolo: non editare nemmeno se va su due righe

Subtitolo mobile: non editare

by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code

TITOLO NON EDITARE

Sottotitolo non editare

In vent’anni la sorprendente trasformazione del bigio capoluogo postindustriale nella ex capitale dal gusto vintage e dalla sabauda eleganza ha strabiliato i torinesi stessi. E se Torino non sembra ancora consapevole della propria vocazione green, noi crediamo di averla intuita e vogliamo farvi esplorare le molteplici potenzialità dei suoi parchi, del lungofiume disteso sotto alle colline e di un centro pedonalizzato di grande godibilità. Solcheremo in bicicletta la regale immensità delle piazze e il reticolato viario del quadrilatero romano. Scopriremo le ampie aree naturali che si estendono dai Giardini Reali ai Murazzi del Po, fino al Parco del Valentino con il suo “finto” borgo medievale e al Condominio 25 Verde. Trascorreremo con calma un’intera giornata in una delle più splendide tenute di caccia, quella della Reggia di Venaria, con l’immenso parco popolato di cervi, daini, volpi e lepri, dove i Savoia fecero costruire fin dal ‘700 un “borgo castello” con sterminate scuderie per i loro distensivi soggiorni lontano dallo “stress” cittadino! Gusteremo architettura e urbanistica: dall’epoca romana alle poche vestigia medievali, dall’età d’oro, quella del barocco piemontese, al liberty. Visiteremo la cappella della Sindone, con la vertiginosa fuga verticale della cupola, capolavoro del Guarini: appena riaperta, è ora inserita nel circuito di visita della Galleria Sabauda dopo trent’anni di chiusura e un restauro più che ventennale seguito al disastroso incendio! Non mancheranno quotidiane occasioni per gustare l’effervescenza culturale della città e l’atmosfera fin de siècle e liberty dei suoi caffè storici. E poi vi faremo scoprire un luogo unico: il Circolo dei lettori, con il suo ristorante sospeso fra cucina tradizionale e letteratura popolare piemontese.

Non mancherà il tempo per godersi la città in autonomia o per visitarne gli splendidi musei: l’Egizio e il suo rinnovato allestimento concluso da pochi anni, la Galleria d’Arte Moderna e il Museo del Cinema sviluppato in altezza all’interno di quella che doveva nascere come sinagoga: la Mole Antonelliana! Un viaggio davvero adatto a tutti: per chi ama viaggiare divertendosi, per chi non vuole perdersi nulla, per chi apprezza questo modo dinamico e rispettoso dell’ambiente di calarsi nella dimensione locale e autentica di una città.

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo