all by JSd
All by JS

Titolo:
non editare

Subtitolo: non editare

Date viaggio: non editare

Date viaggio: non editare

Titolo: non editare nemmeno se va su due righe

Subtitolo mobile: non editare

by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code

TITOLO NON EDITARE

Sottotitolo non editare

Due capitali circondate dall’acqua in un viaggio per terra e per mare, dal Baltico all’Øresund.

L’itinerario partirà da Stoccolma, costruita su un arcipelago di sei isole: dall’agglomerato più antico dell’isola di Gamla Stan all’isola Djurgarden, parco naturale nel centro della città. Conosceremo la tradizione della temibile flotta svedese, con l’affascinante Vasamuseet, e i tesori d’arte e di architettura contemporanea che la città racchiude. Ma Stoccolma è anche la città del Premio Nobel, assegnato ogni anno il 10 dicembre nel Konserthuset, con la sua sede che si affaccia proprio sulla piazza più celebre di tutta Svezia, delle facciate colorate del centro storico e delle fermate della metropolitana più belle d’Europa, decorate da giovani artisti con stili molto diversi l’una dall’altra.

Passeremo poi per l’isola di Götland dove l’antichissima città murata di Visby, patrimonio Unesco, fa da anticamera ad un luogo unico, un mix originalissimo tra storia e natura, punteggiato di piccole chiese romaniche immerse in un panorama incontaminato. La percorreremo fino al punto più estremo, fino a incontrare i rauk, formazioni rocciose impressionanti, alte diversi metri, e conseguenza dell’erosione delle susseguenti glaciazioni, che sembrano letteralmente emergere dal Mar Baltico.

Da qui torneremo sulla terraferma per arrivare a Ystad, piccolo borgo a noi noto per l’ambientazione, in chiave noir, dei romanzi di Henning Mankell, a Lund, con la sua importante cattedrale medievale, e a Malmö, con il vertiginoso Turning Torso, un palazzo tortile firmato da Santiago Calatrava, che si staglia sulla costa intorno al Ponte di Oresund.

Proprio il Ponte ci permetterà di attraversare lo stretto che separa Svezia e Danimarca raggiungendo così la nostra ultima tappa, Copenaghen, con la sua atmosfera hyggelig (intima e conviviale), le guglie di rame e le piazze acciottolate, tra ristoranti stellati attenti alle novità e negozi di arredamento d’interni che dettano legge in tutta Europa, e dove il canale di Nyahvn, celebre “cartolina” di antiche case colorate, sfocia sul ponte di Inderhavns, da cui si gode una straordinaria vista sui futuristici palazzi dell’Opera e del Teatro Reale.

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo