all by JSd
All by JS

Titolo:
non editare

Subtitolo: non editare

Date viaggio: non editare

Date viaggio: non editare

Titolo: non editare nemmeno se va su due righe

Subtitolo mobile: non editare

by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code

TITOLO NON EDITARE

Sottotitolo non editare

Castelli diroccati che si specchiano nel fiume, cittadine dalle colorate case a graticcio, monumenti patrimonio dell’umanità, conventi dal glorioso passato cinematografico convertiti in cantine, vigneti a perdita d’occhio e sprazzi di architettura contemporanea! Ecco cosa ci aspetta in questa cinque giorni in terra tedesca seguendo il corso di due fiumi, il Reno e la Mosella, da sempre culla di civiltà, centri culturali di primo piano e coltivazioni vinicole considerate tra le migliori del mondo. Cominceremo da Magonza, con il suo centro storico ben conservato e dominato dall’imponente duomo romanico per poi attraversare il fiume e trovarci catapultati dentro al set dello storico film “Il nome della rosa”, una splendida abbazia dove oggi si produce ottimo vino, e in un punto in cui le antiche fortificazioni sul Reno si fronteggiano da una costa all’altra. Raggiungeremo poi la Mosella, con i suoi ottimi Riesling, e Coblenza, alla confluenza dei “nostri” due corsi d’acqua, con il vicino castello di Marksburg, unica persistenza medievale dalla Gola del Reno, una serie di anse annoverate tra i beni protetti dall’Unesco, come del resto il centro storico di Treviri, che non mancheremo di farvi scoprire: l’insieme costituito dalla Porta Nigra del II secolo, dalla Basilica Palatina di Costantino, dal Duomo del 1270 e dalla casa natale di Karl Marx varrebbe da solo il viaggio! Ultime tappe ad Heidelberg, con l’università più antica del paese, e a Worms, per un altro capolavoro romanico, concedendoci sempre le giuste pause per rilassarci in mezzo alla splendida natura di queste zone e goderci gli ottimi vini locali, oltre ad una cucina che crediamo vi stupirà in positivo…

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo