all by JSd
All by JS

Titolo:
non editare

Subtitolo: non editare

Date viaggio: non editare

Date viaggio: non editare

Titolo: non editare nemmeno se va su due righe

Subtitolo mobile: non editare

by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code

TITOLO NON EDITARE

Sottotitolo non editare

Tradizione e avanguardia, fiabe e modernità, storia millenaria e architettura contemporanea: la Danimarca è un perfetto mix tra estremi che dialogano tra loro con costanza e raffinatezza.

Basti pensare a Copenhagen, dove il canale di Nyahvn, celebre “cartolina” di antiche case colorate, sfocia sul ponte di Inderhavns, da cui si gode una straordinaria vista sui futuristici palazzi dell’Opera e del Teatro Reale, o a Odense, animata città dove un centro storico che ha conservato diversi edifici a graticcio ospita oggi un imperdibile museo disegnato dal premio Pritzker Kengo Kuma e dedicato ad Hans Chirstian Andersen, forse il più famoso figlio di Danimarca. Le sue fiabe, tra cui la celebre “Sirenetta”, “Il brutto anatroccolo” e “La piccola fiammiferaia”, sono parte della formazione personale e dell’immaginario collettivo di tutti, tanto quanto un’altra storia ambientata sulle sponde del Baltico, quell’Amleto che William Shakespeare fa vivere e morire tra le mura del castello di Kronborg, patrimonio Unesco e nostra prima tappa in questo breve e intensa immersione danese.

Visiteremo inoltre Roskilde, con il museo che ospita cinque navi vichinghe dell’XI secolo e la cattedrale, altro patrimonio Unesco, iniziata nel XII secolo e luogo di sepoltura dei
monarchi danesi fin dal 1400. Ultimi giorni per la capitale, dove ammireremo certamente i grandi classici, come la statua della Sirenetta, i castelli di Rosenborg e Amalienborg, ma senza trascurare anche l’anima più moderna, sorprendente e decisamente votata ad un ricerca di design che oggi è riconosciuta tra le più rilevanti al mondo.

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo