all by JSd
All by JS

Titolo:
non editare

Subtitolo: non editare

Date viaggio: non editare

Date viaggio: non editare

Titolo: non editare nemmeno se va su due righe

Subtitolo mobile: non editare

by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code

TITOLO NON EDITARE

Sottotitolo non editare

Un viaggio per toccare due Oceani, scoprire vegetazione tropicale e spiagge bianche, ecosistemi perfettamente integri e città vibranti e divertenti: un itinerario in Costa Rica permette di toccare con mano estremi diversissimi, dai vulcani attivi a fiumi dal sapore amazzonico, passando per riserve naturali indimenticabili e quartieri dal sapore spagnoleggiante. Inizieremo dalla zona del vulcano Poás, animata da veri e propri geyser, piscine sulfuree e cascate spettacolari, le cui pendici sono abitate da tucani smeraldo e colibrì. Da qui proseguiremo per il Parco Nazionale del vulcano Arenal, ricco di sentieri da trekking che permettono di ammirare da vicino flora e fauna locale, colate laviche e laghi, ma celebre anche per le sue terme naturali e per la possibilità di effettuare emozionanti percorsi di rafting. E ancora il vulcano Tenorio, con la sua natura incontaminata e i suoi vari ecosistemi popolati da scimmie cappuccine, tapiri e uccelli coloratissimi. Lasciate le montagne ci dirigeremo a sud per arrivare sulle coste del Pacifico, nel cuore del Parco Manuel Antonio, tra i più piccoli del Costa Rica ma tra i più visitati, sia per la varietà di animali che lo popolano, sia per gli indimenticabili paesaggi costieri. Vi basti sapere che la prestigiosa rivista Forbes lo ha inserito in una lista dei 12 più bei parchi nazionali del mondo! E del resto qui faremo conoscenza con uno degli animali più amati in assoluto, il buffo e docile bradipo, che si divide l’habitat con scimmie urlatrici, tucani, camaleonti e rane dagli occhi rossi. Senza contare che sarà l’occasione anche per godersi una piacevole giornata in spiaggia, perfetta per ricaricarsi a metà viaggio e per togliersi un po’ del pallore dell’inverno europeo. A poca distanza, poi, il Parque Marino Ballena, dove potrete approfittare delle molte escursioni dedicate ad ammirare i grandi mammiferi che popolano questi mari, balene e delfini su tutti. Prima di lasciare il paese e di visitare, l’ultimo giorno, San Josè con l’interessantissimo museo dell’oro precolombiano, manca però la gemma forse più preziosa della Costa Rica: il Parque del Tortuguero. Un’intricata serie di canali che solcano una foresta tropicale intatta, abitata da bradipi e caimani, scimmie e giaguari, un angolo di mondo che sembra non essere stato intaccato dalla modernità e in cui la natura, ancora più che nel resto del paese, è protagonista assoluta!

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo