all by JSd
All by JS

Titolo:
non editare

Subtitolo: non editare

Date viaggio: non editare

Date viaggio: non editare

Titolo: non editare nemmeno se va su due righe

Subtitolo mobile: non editare

by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code

TITOLO NON EDITARE

Sottotitolo non editare

Un viaggio nelle isole più amate del Mediterraneo, vero e proprio paradiso in cui una natura meravigliosa si combina perfettamente con una storia millenaria. La leggendaria Santorini, con la sua caldera vulcanica e il mito di Atlantide, la spettacolare Amorgos, nascosta e autentica, la celebre (e bellissima) Mykonos e la divina (nel senso di Apollo) Delos. Un percorso tra cultura e arte, gastronomia e tradizioni, monasteri arrampicati su irte scogliere e piccoli borghi incantanti. Il tutto senza perdersi l’occasione di qualche tuffo in uno dei mari più famosi del mondo.

E, modestia a parte, venire qui con noi è uno dei modi migliori per conoscere questo angolo di Egeo tanto celebre quanto “banalizzato” dal turismo di massa: conosciamo e amiamo queste isole da più di vent’anni, e siamo sicuri di potervi far incontrare l’anima più autentica delle Cicladi. Un luogo lontano dai bar sulla spiaggia e popolato di persone veraci e orgogliose, aggrappate a una terra splendida d’estate e difficile d’inverno, un mondo dal sapore arcaico in cui il rapporto con la terra è faticoso e dove gli anziani ancora si spostano tra un paese e l’altro con l’aiuto di infaticabili muli. Se ci chiedessero di raccontare la nostra Grecia probabilmente non vi parleremmo del tramonto a Santorini, pur bellissimo, ma di quell’incanto commovente che si respira nei vicoli di Tholaria, un paese arroccato sui monti di Amorgos, dove perdendosi tra i vicoli imbiancati ci si può imbattere in gruppi di locali che ti invitano, senza remore, a sedersi con loro a bere un ouzo chiacchierando amabilmente in una lingua che non conoscete, ma in cui percepire, chiarissimo, il tono di un’ospitalità antica e toccante.

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo