all by JSd
All by JS

Titolo:
non editare

Subtitolo: non editare

Date viaggio: non editare

Date viaggio: non editare

Titolo: non editare nemmeno se va su due righe

Subtitolo mobile: non editare

by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code
by JS code

TITOLO NON EDITARE

Sottotitolo non editare

Cosa succede quando la città su cui si fonda buona parte della cultura artistica e architettonica occidentale decide di arricchirsi di nuovi “contenuti”? Ovviamente il rischio di una sconfitta annunciata per gli autori moderni è altissimo, e forse per questo si sono cimentati in questa sfida solo i grandi, quelli veri. Ecco, questo viaggio è pensato per chi non conosce la capitale greca, che avrà modo di ammirare i capolavori che la abitano da millenni, ma anche per chi Atene l’ha già vista, magari qualche anno fa, ma vuole riscoprirla nel suo progressivo rinnovamento. Noi ricordiamo bene che il museo dell’Acropoli, fino al 2009, era poco più di un capannone nascosto dietro al tempio di Atena, e che, oltre ai monumenti più celebri e ai musei, quasi mai ci si spingeva a indagare altro… Ma la modernità, quella del rinnovamento urbanistico prima ancora che architettonico, è arrivata anche qui, “firmata” in particolar modo da due nomi, quello di Renzo Piano, con il suo “partenone contemporaneo” della Stavros Niarchos Foundation, e quello di Bernard Tschumi con, appunto, il nuovo museo dell’Acropoli. Vi porteremo inoltre a conoscere i locali più tradizionali dell’animata Plaka, l’imperdibile museo Archeologico, scrigno di infiniti tesori e “casa” della discussa maschera di Agamennone, il tempio dei venti e le due Agorà, greca e romana, per una quattro giorni di bellezza assoluta.

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo