Viaggi d'autore
Viaggi
d'autore
Transilvania gotica e Bucovina bizantina
Le chiese fortificate e i monasteri dipinti, le architetture in legno e le foreste del Maramures
11 – 18 giugno 2020
11 – 18 giugno 2020
Transilvania gotica e Bucovina bizantina
Santorini . Amorgos . Mykonos . Delos
8 GIORNI
7 NOTTI
HOTEL 3* E 4*
A PARTIRE
DA 1.050 €
PARTECIPANTI
DA 12 A 20
VOLO + PULLMAN PRIVATO
8 GIORNI
7 NOTTI
HOTEL 3* E 4*
A PARTIRE
DA 1.050 €
PARTECIPANTI
DA 12 A 20
VOLO + PULLMAN PRIVATO
8 GIORNI | 7 NOTTI
HOTEL 3* e 4*
A PARTIRE DA 1.050
PARTECIPANTI DA 12 A 20

aereopullman

TRANSILVANIA GOTICA E BUCOVINA BIZANTINA

Le chiese fortificate e i monasteri dipinti, le architetture in legno e le foreste del Maramures

Il nostro viaggio inizia da Bucarest per spingersi subito in Transilvania, regione dal patrimonio sorprendente e spesso inaspettato! Qui i cosiddetti sassoni edificarono a partire dal XII secolo interi villaggi di abitazioni mercantili e chiese tardogotiche, convertite poi al culto luterano, arroccate e fortificate impiegando fino a tre cerchie murarie concentriche! La cittadina gioiello di Brasov con la sua “basilica nera”, la città murata di Sighișoara e la chiesa fortificata di Biertan sono tesori culturali inestimabili celate fra le alture dei Carpazi. E Sibiu, ovviamente, con le splendide piazze, le cattedrali, le mura e il Museo Nazionale con capolavori di Antonello, Van Eyck, Lotto e Tiziano, solo per fare qualche nome! Varcato il passo Tihuta si apre ora un mondo totalmente altro. Entrare in Bucovina è davvero migrare da occidente ad oriente per immergersi nel mondo dipinto dei celebri monasteri postbizantini singolarmente affrescati anche all’esterno e riconosciuti dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

Raggiungeremo quindi il Maramureș di William Blacker per ammirare, sulle pendici delle alture rivestite di sconfinate foreste, alcune delle rare chiese di legno edificate tra il ‘600 e l’800 e conservatesi fino ad oggi. E ancora le architetture di Targu Mureș, sempre in bilico tra secessione e liberty, il fascino austroungarico dei palazzi barocchi e i castelli, come quello di Bran ovviamente… Anche se nulla ha in realtà a che vedere con quel principe Vlad a cui Stoker pensava descrivendo il suo Dracula! Infine, scendendo nuovamente in Valacchia, il monastero più antico, quello di Cozia, eretto al tempo in cui Bisanzio era ancora cristiana.

HIGHLIGHTS DI VIAGGIO

Alcune delle cose che vedremo